/, Exhibooks, Nuovi progetti/Exhibooks: il palazzo di Enrico Scrovegni

Exhibooks: il palazzo di Enrico Scrovegni

Se ascolto dimentico
Se vedo ricordo
Se faccio capisco
Confucio

Il Palazzo degli Scrovegni e l’Arena romana

Enrico Scrovegni acquistò, agli inizi del ‘300, l’area dell’Arena romana dai nobili Dalesmanini, sito attorno al quale la famiglia aveva costruito la propria corte padovana. Lo Scrovegni liberò l’area, eccetto che per i pochi resti romani, per realizzare il proprio palazzo. In modo non molto inusuale nel tempo, il fronte del suo palazzo si appoggia all’arco ellittico dell’Arena, ottenendo così una forma concava.

Il palazzo, con l’annessa Cappella, nel corso dei secoli passò di mano in mano, finendo alla famiglia Gradenigo nei primi anni dell”800. Da questo momento iniziò un veloce degrado, che portò anche al crollo del pròtiro cinquecentesco (il piccolo portico a protezione dell’ingresso della Cappella), e che culminò nella demolizione del palazzo, attorno al 1820.
La Cappella fu salvata grazie a una forte opposizione cittadina (in particolare, al lavoro del marchese Pietro Selvatico Estense), evitò l’asportazione degli affreschi giotteschi da parte degli inglesi e finalmente, dopo molte traversie, divenne di proprietà dell’Amministrazione Comunale nel 1880.

Nelle immagini, l’area dell’Arena, con il palazzo e la Cappella, rispettivamente in una incisione del ‘600 (F. Scoto, Nuovo Itinerario d’Italia, con aggiuntate figure…, Padova, 1669) e in un acquerello del 1801 (Marino Urbani, Acquerello con la Cappella e il Palazzo degli Scrovegni, 1801 circa).

La realizzazione del progetto Exhibooks si svilupperà attraverso un crowdfunding, da lunedì 19 agosto e fino al 30 ottobre, che vi permetterà di contribuire attivamente alla produzione dei volumi e di poterli regalare ai vostri bambini / ragazzi preferiti entro Natale 2019.

Potete contribuire qui
https://www.produzionidalbasso.com/project/exhibook-1-la-cappella-degli-scrovegni-padova/

By |2019-10-01T10:40:43+00:00Ottobre 1st, 2019|Arte, Exhibooks, Nuovi progetti|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment

This website uses cookies and third party services. Ok