Customer Login

Lost password?

View your shopping cart

In offerta!
architemario

By C. De Iuliis - R. Malfatti (illustrazioni)

L’Architemario. Volevo fare l’astronauta

L’Italia… Un paese di Santi, Poeti, navigatori, Rinviati a giudizio, Allenatori di calcio. E Architetti.
La penna di Christian De Iuliis racconta e la matita di Roberto Malfatti illustra: la realtà e le peripezie più curiose e paradossali del mondo di chi da piccolo, in fondo, sognava di fare solamente l’astronauta.
Nel suo stile fluido ed ironicamente amaro, De Iuliis ci svela il pianeta misterioso sul quale ogni giorno vive ed opera una delle figure professionali più contraddittorie ed eclettiche dell’universo italiano: l’architetto. Un libro per tutti perché tutti, oggi, hanno a che fare con gli architetti. Ce ne sono talmente tanti che ognuno di noi ha un architetto nella propria vita: come amico, fratello, sorella, padre, cugino, collega. Oppure egli stesso si sente “architetto dentro” o lo è veramente.

Il volume viene inviato senza spese di spedizione: al momento dell’ordine, ricordatevi di applicare il codice INVGR e di scegliere l’opzione di invio Spedizione gratuita.

€ 18,00 € 15,00

fuori collana

Descrizione prodotto

Surreale, a tratti disincantato, certamente irriverente. Nel suo stile fluido ed ironicamente amaro, Christian De Iuliis ci svela il pianeta misterioso sul quale ogni giorno vive ed opera una delle figure professionali più contraddittorie ed eclettiche dell’universo italiano: l’architetto. Un libro per tutti perché tutti, oggi, hanno a che fare con gli architetti. Ce ne sono talmente tanti che ognuno di noi ha un architetto nella propria vita: come amico, fratello, sorella, padre, cugino, collega. Oppure egli stesso si sente “architetto dentro” o lo è veramente. La penna di Christian De Iuliis racconta e la matita di Roberto Malfatti illustra: la realtà e le peripezie più curiose e paradossali del mondo di chi da piccolo, in fondo, sognava di fare solamente l’astronauta.

L’Italia… Un paese di Santi, Poeti, navigatori, Rinviati a giudizio, Allenatori di calcio. E Architetti.

L’architetto invecchia molto più lentamente dei comuni esseri umani…E’ una questione prima di tutto pratica in quanto si comincia a fare l’architetto già con i principi di calvizie (per l’uomo), menopausa (per la donna) e capelli bianchi (per entrambi). Quindi di ordine psicologico perché anche a 50 anni si è ancora considerati giovani architetti. Ma anche da un punto di vista medico perché l’architetto deve per forza di cose mantenersi giovane e in salute per affrontare tutti gli imprevisti che gli capitano.

Non so se ve ne siete accorti, ma è in corso un processo di patinata beatificazione della figura dell’architetto. Una sorta di degrado del garbo professionale al quale molto contribuiscono alcuni programmi televisivi dove gli architetti appaiono come dei fichissimi tuttofare, capaci di risolvere qualsiasi problema. Da quelli d’arredo allo scarico della lavastoviglie intasato. Interventi apparentemente straordinari che conferiscono all’architetto dei presunti super-poteri. Tuttavia una delle ambizioni, naturali, degli architetti oggi è di essere considerati delle persone normali.

 

 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “L’Architemario. Volevo fare l’astronauta”

Product Detail

    No detail information

About The Author

Author

Christian De Iuliis (Minori, SA, 1975 – viv.) Nasce nel letto di casa sua il 15 Febbraio. Cresce in costa d’Amalfi tra un quarto piano e una mansarda. Frequenta l’istituto per geometri dove, tra le altre cose, vince i “Giochi della chimica 1990” a squadre. Tuttavia si sente architetto fin da piccolo, per vocazione giunta in quarta elementare e puntualmente trascritta in un tema di quinta. Fondatore ed inventore del movimento artistico- culturale de “Lo Spiaggismo”. E’ stato negli anni: speaker alla radio, disegnatore e spacciatore di francobolli falsi, giocatore ed allenatore di basket, attore (scadente) teatrale e cinematografico, chitarra “rumorosa” in una rock band, sceneggiatore e montatore di cortometraggi. Nel tempo libero si dedica alla corsa, molto più probabilmente alla fuga. Si stima che nella vita abbia già scritto almeno venti libri, tutti inediti poichè incompleti. Questo è il primo che termina, ma non per merito suo. Nel frattempo è anche architetto. Roberto Malfatti, architetto, nato a Bolzano nel 1950 e cresciuto a Cortina d’Ampezzo sulle Dolomiti, vive e lavora a Firenze coltivando il mito di Walt Disney e una grande passione per Reiser, Vermeer e Terragni. Ha indirizzato sostanzialmente il suo lavoro verso due settori: l’architettura e il disegno. Svolge la libera professione come associato in Politecnica, una delle più importanti società di engineering italiane ed è stato autore ed illustratore per varie riviste e case editrici specializzate in architettura, fumetti, guide di viaggio. I suoi lavori sono stati pubblicati da Il Male, Il Corriere dei Piccoli, Arca, Ponte, pressTletter. I titoli dei suoi libri: Amore mio per sempre (Glenat, 1993), La vita è un cantiere a cielo aperto (DEI edizioni, 2010) un saggio di approfondimento a fumetti sul mondo delle professioni che si occupano di Architettura. Ha inoltre curato le illustrazioni della guida La mia Toscana (Sperling & Kupfer, 2004).