Angela Lina. Il Vangelo come quotidianità

 13,90

Una nuova edizione della biografia di Angela Lina, in occasione del 30ennale della scomparsa, amplia le testimonianze e i ricordi di famigliari, amici, amiche e riflessioni di figure religiose che le sono state vicino, approfondendo inoltre nella parte narrativa la ricostruzione della sua vita. Vincenzo e Lucia De Cunzolo testimoniano così del profondo amore che provano per la sorella Angela Lina, nata a Palazzo San Gervasio (PZ) nel 1962 e mancata dalla sua vita terrena nel 1992, a soli 31 anni, a Padova.

Così Vincenzo ne mantiene vivo il ricordo:
La sua vita fu un esempio di autentica umanità, innanzitutto per la sua famiglia e per i suoi conoscenti. Angela Lina era una persona vera. Riusciva a instaurare un contatto diretto e illuminante con tutti; un’intesa profonda, perché lei era “epidermicamente” intuitiva. Aveva una sensibilità straordinaria verso tutte le manifestazioni della natura, il pensiero costante rivolto al soprannaturale – quell’esito finale a cui devono tendere tutti gli esseri umani – una forza interiore che trasmetteva a chiunque la avvicinasse. Non ultima, una sorta di sensibilità profetica. L’ammirazione la circondava perché sapeva aprire il proprio spazio agli altri, senza invadenza. Aiutava sbandati e sofferenti che l’avidità umana o il pregiudizio emarginavano. Li avvicinava, si lasciava avvicinare. Tutto con una spontaneità disarmante.

Angela Lina De Cunzolo nacque a Palazzo
San Gervasio (PZ) il 31 maggio 1961.
Dedicò la sua vita all’amore per il prossimo,
in particolare verso bambini e fanciulli.
A Padova, il 3 agosto 1992, la offrì in dono
a Colui che era stato il suo unico Amore,
il suo Sposo Gesù Cristo.

 

COD: 9788898703197 Categoria: Tag:

Descrizione

La vita di Angela Lina viene ricostruita dai fratelli Lucia e Vincenzo sia attraverso una narrazione diretta sia attraverso una serie di fedeli testimonianze di parenti, amiche e amici che l’hanno accompagnata tra Palazzo San Gervasio e Padova, dove studiò e dove lasciò un segno che, dopo trent’anni, rimane ancora vivo nella loro memoria.
Angela si muoveva con grazia e femminilità in un mondo lanciato verso la modernità ma le cui radici ancora affondavano in una società tradizionale, dove differenze sociali e pregiudizi erano diffusi e accettati come norma. Nel suo agire cercò di spezzare queste barriere: non si lasciò condizionare e non si uniformò al pensiero comune, staccandosi da una mentalità paesana, elaborando e comprendendo a fondo il messaggio di Amore, grazie agli insegnamenti della Chiesa e della famiglia.
Con un padre sempre disponibile verso gli altri e una madre dotata di pazienza cristiana, crebbe come una ragazza poco incline alle tentazioni della vanità, e attenta agli altri nello svolgimento di tutte le azioni quotidiane. Portava aiuto a tutti coloro che percepiva in difficoltà, senza farsi notare; dimostrava amore e comprensione anche verso le persone più criticate; lanciava messaggi di carità ed elevava la vita spirituale della comunità con esempi d’amore e di dolcezza. A dispetto della giovane età, Angela aveva studiato, meditato ogni parola del Vangelo e viveva coerentemente i propri principi religiosi.
Il suo mondo non aveva confini o limiti: la gioia di donare la rendeva libera, accogliendo in questo agire tutti quelli che cercavano in lei, coscienti o meno, un approdo.

 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Angela Lina. Il Vangelo come quotidianità”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This website uses cookies and third party services. Ok