Customer Login

Lost password?

View your shopping cart

convegni

"Scusate il disturbo, stiamo imparando" su ISSUU

“Scusate il disturbo, stiamo imparando” su ISSUU

Abbiamo inserito da qualche giorno un estratto del volume Scusate il disturbo, stiamo imparando su ISSUU, per permetterne una visione d’insieme.

L’estratto è raggiungibile qui

Buona lettura!

E’ sempre possibile commentare il volume sulla pagina FaceBook di overview editore

 

FacebookTwitterGoogle+Condividi
Scusate il disturbo, stiamo imparando

Scusate il disturbo, stiamo imparando

Scusate il disturbo, stiamo imparando raccoglie la storia di un progetto innovativo nella scuola media. Un gruppo di insegnanti decide di raccontare come, negli anni ’70 del ‘900, si sia affrontato un progetto di costruzione di una integrazione scolastica, dove le comunità dei ragazzi, degli insegnanti stessi e dei genitori si sono trovate complici di un sogno: la messa in opera di un nuovo modo di fare scuola. L’esempio a cui fare riferimento era stato proclamato pochi anni prima da don Milani e dai ragazzi di Barbiana: non bocciare, costruire una scuola a tempo pieno e dare uno scopo per motivare gli svogliati. Tutto questo in un piccolo comune della provincia padovana, Pontelongo, dove presto arrivò l’ispezione del Ministero per controllare la situazione, che si rivelò molto pìù feconda di quanto non si potesse immaginare: giovanissimi in formazione che si confrontavano, parlavano, scrivevano, impegnati a impadronirsi delle parole e della cultura di una nuova cittadinanza.

Vado a vedere la Giacomo Leopardi di Pontelongo, diceva un giorno d’aprile del 1976 un giovane funzionario del Provveditorato agli Studi di Padova al suo diretto superiore. La Giacomo Leopardi di Pontelongo, qualche migliaia di anime a 25 chilometri da Padova, era una scuola “chiacchierata”. E che “disturbava”.

La meta era la scuola media di Pontelongo, un piccolo comune nella provincia padovana. Ed era una scuola chiacchierata, dove gli studenti sembravano api in un alveare, occupati a studiare, sì, ma anche a proiettare film, leggere i giornali, stampare un giornalino ciclostilato, organizzare conferenze pomeridiane, uscire per esplorare il territorio. Quando mai?
E gli insegnanti usavano la cattedra come un banco di lavoro, avevano sostituito la pagella con una scheda valutativa, tenevano corsi di educazione sessuale. Quando mai?
Nel 1976 tutto questo sconvolgeva lo status quo. Urgeva un’ispezione. Ma quello che veniva riportato parlava di tre comunità – ragazzi insegnanti e genitori – complici di un progetto, di un sogno. Giovanissimi in formazione che si confrontavano, parlavano, scrivevano, impegnati a impadronirsi delle parole e della cultura della nuova cittadinanza.
Dove stava lo scandalo? Lo scandalo l’aveva sollevato Lettera a una professoressa, pubblicato nel maggio del 1967, di fronte a una nuova scuola media unica in funzione dal 1962, che continuava a respingere, selezionare, bocciare, e dove gli articoli 3 e 34 della Costituzione repubblicana rimanevano un dettato. Si poteva cambiare? E come? Con tre mosse, avevano proclamato forte e chiaro Don Milani e i suoi ragazzi di Barbiana: non bocciando, dando la scuola a tempo pieno, offrendo uno scopo (agli svogliati, e a tutti), attuando davvero in corpore vili quegli articoli della Costituzione, il patto solenne siglato dalle nuove generazioni uscite dalle tenebre della prima metà del secolo.
Nel 2013 un gruppo di quegli insegnanti decideva di raccontare quella piccola grande storia, con l’obiettivo di pubblicarla nel cinquantenario della morte di don Milani. Una storia semplice, ma soprattutto riproducibile: il racconto di una quotidianità dove si costruiva un progetto scolastico giorno per giorno. Un racconto tranquillo delle ragioni vivificanti di una buona battaglia: vitale e gratificante.

In Scusate il disturbo, stiamo imparando viene così ripercorso un decennio della storia di Pontelongo, tra riflessioni sui rapporti tra le varie figure istituzionali, commenti a caldo degli allora ragazzi sulla scuola che stavano frequentando e risultati concreti di una sperimentazione ispirata, appunto, a don Milani.

Il volume è corredato da una amplia serie di immagini dei ragazzi di allora, studenti delle scuola media, ripresi in vari momenti delle loro attività quotidiane.


Per commentarlo sulla pagina FaceBook di overview editore

 

29 marzo 2016: pubblicato “Rivoluzione Scuola. Valori Spazi Metodi” a cura di Corrado Poli.

160402_rivoluzione_scuola_cop

Il volume raccoglie gli Atti del Convegno Rivoluzione Scuola. Valori Spazi Metodi, organizzato a Padova il 27 novembre 2014 dal FAI Fondo Ambiente Italiano – Delegazione di Padova, e dall’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Padova.

Come si deve organizzare la scuola? Dove si devono svolgere le sue attività? In che modo si rendono sicuri e accoglienti gli edifici che ospitano migliaia di studenti? Sono domande da molto tempo senza risposta. A fronte di una società profondamente trasformata si ripropone un modello di scuola vecchio nei metodi e negli spazi a esso dedicati. I cambiamenti necessari – siano essi pedagogici, organizzativi o logistici – a stento seguono il passo del rapido mutamento sociale.
Il convegno Rivoluzione Scuola. Valori Spazi Metodi, nato da una serie di riflessioni all’interno del FAI Fondo Ambiente Italiano – Delegazione di Padova e dell’Ordine degli Architetti cittadino, che hanno preso spunto dal saggio-racconto di Corrado Poli Rivoluzione a scuola. Come rendere felici insegnanti e allievi (Infinito edizioni, Modena, 2013), si è posto come obiettivo l’osservazione dei problemi adottando un punto di vista diverso dagli usuali parametri.

In età moderna i dotti iniziarono a discutere dei massimi sistemi, mentre nel Trecento si dedicavano a precisi resoconti e descrizioni. Questo consentì ai secondi di fare una grande rivoluzione scientifica, culturale e sociale; agli altri di fare uscire l’Europa dalla povertà del medioevo. Perché faccio questa superficiale affermazione introduttiva? Perché ogni tanto viene il momento, nella storia e nella vita di ciascuno, di smettere di risolvere i soliti problemi e di crearsene di nuovi oppure di impostare quelli vecchi in modo radicalmente diverso ..Come si deve organizzare la scuola? Dove si devono svolgere le sue attività? In che modo si rendono sicuri e accoglienti gli edifici che ospitano migliaia di studenti? Sono domande da molto tempo senza risposta. A fronte di una società profondamente trasformata si ripropone un modello di scuola vecchio nei metodi e negli spazi a esso dedicati. I cambiamenti necessari – siano essi pedagogici, organizzativi o logistici – a stento seguono il passo del rapido mutamento sociale.
Uno studio articolato e approfondito in grado di superare le barriere disciplinari consente di trasformare in progetto le suggestioni e i ragionamenti introdotti … dalla legge di riforma della scuola – la “Buona scuola” – che oggi si sta applicando in tutta Italia.
(dall’intervento di Corrado Poli)

 

Il volume contiene gli interventi di:
Luigi Cerantola, Tokyo University;
Leonardo Ciacci, Urbanista, Università Iuav di Venezia;
Laura Anna Pezzetti, ABC Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e Ambiente Costruito del Politecnico di Milano;
Corrado Poli, studioso e ricercatore sociale esperto in politiche urbane e ambientali;
Georg W. Reinberg, architetto austriaco.

 

 

Presentazioni del volume “CasaClima R. Edifici storici ad alta efficienza energetica”

casaclima-2

Presentazioni del volume CasaClima R. Edifici storici ad alta efficienza energetica
di Lucia Corti e Elena Rigano

 

 

venerdì 14 marzo 2014, ore 17:30
Sala Tommaseo, Ateneo Veneto, Venezia
Condurrà la conversazione
Corrado Poli, editorialista e direttore del Master in Sustainable Urban Management presso Università IULM Milano
con le autrici

sabato 22 marzo 2014 , dalle 9.30
Auditorium del MAXXI – via Guido Reni, 4a – Roma
in occasione del convegno
Restauro e risparmio energetico: nuove tecnologie per nuove prospettive
ADSI Lazio e MAXXI
le autrici parleranno di
Restauro energetico tra tutela e innovazione: soluzioni per edifici storici efficienti

venerdì 21 marzo 2014, ore 15:00 – 18:00
Hotel Novotel Roma – La Rustica
in occasione del convegno
Riqualificare i nostri edifici con sistemi naturali: il sistema vincente
Naturalia-BAU Lazio
la autrici illustreranno esempi di cantiere di
Riqualificazione e restauro energetico

giovedì 20 marzo 2014, ore 17:30
Casa dell’Architettura – Acquario Romano – Roma
Conversazione di presentazione del volume
CasaClima R. Edifici storici ad alta efficienza energetica
Condurrà la conversazione
Patrizia Colletta
Consigliere Ordine degli Architetti P.P.C. di Roma e provincia,
Presidente Consulta “Progetto sostenibile ed efficienza energetica”
con le autrici
Lucia Corti ed Elena Rigano

13 dicembre 2013
presentazione sala Paladin – Padova

6 marzo 2013
in occasione del seminario tecnico Recupero e riqualificazione del patrimonio storico, Como

22-24 febbraio 2013
in occasione di ComoCasaClima 2013, Como

24-27 gennaio 2013
in occasione di KlimaHouse 2013, Bolzano

 

17 giugno 2011 – Workshop Sistema Casa – Confapi Padova

17 giugno 2011

overview editore era presente con il suo catalogo
GIARP! Mostra di progetti dei giovani architetti di Padova

all’evento
Workshop Sistema Casa – Confapi Padova

Personalizzazione e comfort nelle superfici d’interni
L’importanza di integrare design e cura del dettaglio

Venerdì 17 giugno

presso la sede della
Confapi Padova
Associazione piccole e medie industrie della provincia di Padova
Viale dell’Industria, 23
Padova

13 maggio – 5 giugno 2011: Thermal GIARP!

La mostra Thermal GIARP! si è tenuta presso il Museo Internazionale del Vetro d’arte e delle Terme, presso il Rustico di Villa Draghi a Montegrotto Terme.
Overiew editore era presente con il catalogo dei lavori dei giovani architetti aderenti all’associazione.

Contestualmente alla mostra, in due convegni si è discusso delle relazioni tra architettura e potenzialità del turismo termale

Venerdì 20 maggio, ore 15:30
La risorsa termale ed il suo utilizzo abbinato all’architettura

Venerdì 27 maggio, ore 15:30
Scenari futuri del termalismo